Cern: via libera per il superacceleratore

La corte Europea da il via libera al contestato esperimento dell’ Lhc

Lhc (Large Hadron Collider)

Lhc (Large Hadron Collider)

La Corte europea dei diritti dell’uomo ha dato il suo via libera al contestato esperimento del Cern che, attraverso l’acceleratore LHC (Large hadron collider) cercherà di riprodurre le condizioni immediatamente successive al Big Bang che ha generato l’universo.

Il “nulla osta” arriva dopo la denuncia di un gruppo di ricercatori convinti che il test genererà un buco nero che risucchierà la Terra. A guidare gli oppositori al progetto lo scienziato Markus Goritschnig.

Nel mirino, il più grande accelleratore di particelle mai costruito, con un diametro di 26 chilometri e costato circa 6 miliardi di euro. Il 10 settembre prossimo, là sotto, si terrà un esperimento volto a individuare il bosone di Higgs, particella responsabile – almeno in teoria – di aver dato massa a tutte le altre. Una ricerca di grande importanza per capire come è nato il nostro universo. Ma secondo alcuni, molto rischiosa, perchè potenzialmente in grado di generare un buco nero.

Insieme a un nutrito gruppo di ricercatori si è rivolto alla Corte di Strasburgo, chiedendo il blocco dell’esperimento. Secondo Goritschnig, violava gli articoli 2 e 8 della Convenzione europea per i diritti umani e il diritto alla vita. La Corte ha ritenuto che nessuno di questi articoli fosse stato violato, e ha dato “luce verde” all’esperimento.

La corte dunque non crede ai timori di apocalisse paventata dal gruppo di scienziati guidati da Goritschnig. E non ci crede neanche la scienza italiana. Secondo il presidente dell’Istituto nazionale di Fisica nucleare Roberto Petronzio “questi scenari apocalittici non hanno alcun riscontro reale. Da Lhc non arriva nessun pericolo. L’allarme lanciato è basato su congetture e ipotesi e non su riscontri reali”.

La pensa allo stesso modo anche il presidente del Cnr ed ex direttore generale del Cern Luciano Maiani. “L’esperimento è da considerare a rischio zero, relativamente a quanto quest’espressione possa essere utilizzata in fisica” ha detto lo scienziato.

4 Responses to Cern: via libera per il superacceleratore

  1. MarcoFly scrive:

    Speriamo bene.
    Purtroppo è il prezzo da pagare per la conoscienza.

  2. CodiceAscii scrive:

    Non vedo l’ora che arrivi il 10, ci sarà un salto di conoscenza spaventoso, quasi come quando siamo usciti dal medioevo.

  3. pippo scrive:

    Non ho nulla ad oppormi agli sperimenti scientifici per poter scoprire nuovi rimedi atti a debellare i mali che affliggono l’umanità, ma spendere centinaia milioni di dollari, nel costruire apparecchiature così sofisticate, al solo scopo di vedere una reazione a catena, che se non controllata, può causare danni irreparabili per tutta l’umanità intera.
    Non era megli spendere tutti quei soldi per inviare aiuti economici tra quelle popolazioni che non hanno nulla da mangiare e che vivono in condizioni pietose?
    A volte capita che per far del bene, non ci sono mai soldi da spendere, viceversa per sperperare i soldi pubblici, sono sempre ben disposti.

  4. CodiceAscii scrive:

    @Pippo
    Ovviamente non posso non essere daccordo con te, ma è altresì vero che, è ovvio che NON C’E’ la volonta dei paesi ricchi di aiutare veramente quelli poveri (in realtà lo si fa, ma non si pone fine al problema).
    Considera che la Missione della Nasa dei Rover Opportunity e Spirit è costata “solo” come 5 giorni di guerra in Iraq!!!
    Sarebbe meglio invece smettere le guerre e costruire meraviglie come il “Large Hadron Collider” e sfamare l’umanità, purtroppo tutto ciò è pura UTOPIA.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: