MIB: alieni oppure agenti segreti?

Molte persone sono state testimoni della visita di “uomini in nero” dopo aver osservato un UFO. I MIB (Men in Black) sono dei personaggi molto bizzarri che lasciano il testimone molto perplesso quando si trova faccia a faccia con questo incontro misterioso. Sembra che lo scopo principale dei MIB sia quello di cancellare tutte le prove sulle osservazioni di UFO ed extraterrestri. I Men in Black sono quindi degli agenti governativi che cercano di oscurare la verità sugli UFO oppure sono una razza di extraterrestri che cercano di impedire agli esseri umani di interrogarsi sui loro scopi?

Gli uomini in nero cercano di soffocare la verità sugli UFO e costringono i testimoni a tacere a proposito delle loro esperienze, rapimenti e osservazioni. Perchè è importante che la gente non sappia nulla su di loro?

Un’aspetto incredibile da rimarcare è quello che i MIB sanno tutto dell’incontro extraterrestre, ancor prima che il testimone ne abbia parlato con qualcuno. Come fanno rapidamente a sapere che qualcuno ha osservato un UFO? Come fanno poi ad arrivare sul luogo dell’esperienza così rapidamente?

Questi due elementi hanno portato gli ufologi a porsi delle domande sull’origine extraterrestre dei MIB.

La maggior parte delle volte, i MIB appaiono sulla scena dove era appena stata segnalata l’apparizione di un UFO. Essi non si spostano per fatti minori, ma piuttosto per dei fatti importanti. Mettono in discussione i testimoni e, persino, tendono a minacciare i testimoni nel caso non volessero cooperare. Essi vietano ai testimoni nel divulgare la loro storia, altrimenti potrebbero esserci delle conseguenze per loro e i familiari.

I MIB optano per degli avvertimenti, minacce e, infine, alle conseguenze che possono esserci. Alcune persone, che non hanno voluto collaborare con gli avvertimenti degli uomini in nero, sono state ritrovate con gravi malattie, con decessi misteriosi e anche delle sparizioni.

Dopo un incontro, il MIB prenderà contatto con il testimone via telefono. Qualche secondo dopo la telefonata, essi si ritrovano già nei pressi dell’abitazione del testimone per interrogarlo. Gli uomini in nero sembrano conoscere sempre i dettagli personali sul testimone e sulla sua osservazione.

Sanno quasi tutto della vita del testimone in ogni dettaglio e cercano di sapere cosa il testimone è a conoscenza e che loro ancora non sanno.

Sopra l’unica foto al mondo che immortalerebbe un presunto “Men in Black”

 

TESTIMONIANZA DELLA VISITA DEGLI UOMINI IN NERO

(Esempio 1): “Vorrei proporre la testimonianza del mio amico ufologo Bernard Bidault (…) Nel 1972, l’amico Bernard Bidault aveva fatto la conoscenza di un alto responsabile della Gendarmeria, il quale si occupava unicamente del fenomeno UFO. Gli spiegò molte cose sui cosiddetti ‘Rapimenti’ legati al fenomeno UFO.

Compresi i rapimenti definitivi di donne e bambini.

Fu così che Bernard decise di prendere la decisione di scrivere un futuro libro su questa questione, e il suo manoscritto comportava a quel tempo di una cinquantina di pagine. Allorquando entrano in scena gli ‘uomini in nero’. Questo accadde nel 1976, nella regione parigina, su una strada tra Frenes e L’Haye-le-Roses ed era una bella giornata assolata.

Bernard guidava la sua autovettura Ford, ritornava dopo aver pranzato, e l’orario si aggirava tra le 12 e 45 e le ore 13. A quell’ora di pranzo non c’era nessuno per la strada. Nessuno in vista.

Ad un certo punto, Bernard da una occhiata allo specchietto retrovisore centrale e non nota nessuna vettura. Poi, dopo circa 3 o 4 secondi più tardi, dopo aver dato un nuovo sguardo al suo specchietto retrovisore, Bernard scopre un’automobile Volkswagen dietro di lui, quasi incollata al suo paraurti!

All’interno vi erano tre uomini in abito nero con camicia bianca, e che avevano anche una cravatta e un cappello nero. Portavano occhiali da sole di colore nero.

Poi, curiosamente, Bernard sentì una voce mentale che diceva ‘Fermati a scrivere il libro’…Dopo aver ricontrollato dallo specchietto retrovisore, non vide più l’automobile degli uomini in nero! La macchina era incomprensibilmente scomparsa.

Bernard accantonò momentaneamente di scrivere il libro e poi cadde gravemente ammalato di cancro (…)

Ma decise in ogni modo di terminare la sua opera letteraria, che prese il titolo di ‘OVNI, attention danger’, Editore Jean-Michel Grandsire, pubblicato nel 2003” (Fonte: Le Journal de l’Ufologie).

(Esempio 2): “Uno dei casi più straordinari di rapimento alieno coinvolse due uomini nel mese d’ottobre del 1975. (…) Un’anno dopo circa l’incidente in questione, l’11 settembre 1976, uno psichiatra investigherà sul caso. Il dottor Herbert Hopkins lavorava a casa, da solo, quando ricevette una chiamata telefonica di un uomo che si presentò come investigatore in materia UFO. Lo straniero chiese l’autorizzazione a rendere visita allo psichiatra, e meno di due minuti dopo la chiamata telefonica, sente suonare alla porta.

‘Non vidi nessuna automobile, e anche se ci fosse stata una macchina, non avrebbe avuto tempo a venire a casa in meno di due minuti a partire da un telefono pubblico’, sottolineò Hopkins.

Il visitatore consiglia a Hopkins di distruggere la totalità dei suoi archivi concernente il caso del rapimento. Ma, poco a poco, Hopkins nota che il pavimento sotto il visitatore diventa traballante. L’uomo imporvvisamente si alzò, tremando, e in maniera difficoltosa raggiunse la porta. Si scusò e affermò: ‘la mia riserva di energia è quasi esaurità…devo andare’.

Fu allora che il dottor Hopkins prese coscienza dell’aspetto estremamente strano del suo visitatore. Portava un abito di colore nero con un taglio datato, ma che sembrava comunque nuovo. Completamente calvo, non aveva le ciglia e le sopracciglia e, dettaglio ancora più strano, portava il rossetto (Vedi ricostruzione sopra).

L’esperienza del dottor Hopkins è una delle storie più affidabili e dettagliate di una visita di un uomo in nero” (Fonte: Facteurx).

(Esempio 3): “Fine novembre del 1961, Paul Miller e tre suoi amici stavano tornando a casa, a Minot (North Dakota), dopo una battuta di caccia. Videro un UFO atterrare e, all’arrivo sul luogo della scena, constatarono la presenza di quattro umanoidi attorno al velivolo.

Preso dal panico, Paul Miller spara su una delle ‘creature’, con un fucile Hornet 22, un Winchester modello 43, equipaggiato di un obbiettivo Weaver K-4!

Dopo il loro ritorno, si resero conto…che mancava un certo periodo di tempo! I quattro amici decisero di non parlare dell’incidente con nessuno.

Eppure, il mattino dopo, tre uomini vestiti di nero si presentarono al domicilio, appena prima che Miller si recasse al lavoro. Dissero che erano stati mandati da un ufficio governativo, senza dire quale fosse di preciso. Affermarono di essere al corrente dell’incidente grazie ad un ‘rapporto’.

Apparentemente, conoscevano tutto di Miller: il suo lavoro, le sue passioni, quello che gli era successo il giorno precedente…Questo episodio è stato tratto dal capitolo ‘Uomini in Nero: tre affari tenebrosi’, pagina 102 del libro ‘UFO, un tema scottante’, Edizioni Atlas 1984 (Fonte: Le Journal de l’Ufologie)”.

Traduzione a cura del Centro Ufologico Ionico

Fonte

Nota a margine di Antonio De Comite: sicuramente l’immagine dei MIB, “Silenziatori” (come vengono chiamati negli USA) è entrata a far parte dell’immaginario collettivo, con un corollario di storie assurde e inverosimili come quelle presentate nell’articolo. Dove comincia la realtà e dove la fantasia. Come negli UFO, il limite è sottile. Resta il fatto che la figura degli “Intimidatori” è radicata nell’Ufologia, personaggi misteriosi che esistono realmente, individui che hanno fatto il loro “gioco” negli anni 50,60 e 70 del secolo scorso. Ma non sono scomparsi e la loro misteriosa natura rimane avvolta ancora nella nebbia, anche se c’è un’ottima possibilità che siano terrestri al soldo dei Governi influenti, primis USA. Ma è solo una plausibile possibilità….

One Response to MIB: alieni oppure agenti segreti?

  1. Giovanni Ioannoni scrive:

    S C R I T T U R E RELIGIOSE S P I R I T U A L I JURMIANE DI JURM BEN ISMAN SUL R I S V EGLIO D E L L ‘E S S E R E P E R I L R I S V E G L I O D E L L E C O S C I E N Z E ALL’ALBA DEL T E R Z O M I LL E N N I O.

    SIA FATTA SEMPRE LA VOLONTA’ DEL SIGNORE IDDIO!
    LA PREGHIERA EFFICACE, SIA ESPRESSA ATTRAVERSO LA LETTURA SCRITTA VERBALE, SONORA DELLA PAROLA, NON A MEMORIA.
    Sorelle e Fratelli, diffondete in ogni dove il presente messaggio tra gli Umani sulla Terra!
    JURM Ben ISman ( alias ) Giovanni Ioannoni

    ( “Adamo, dove sei?”, è la domanda della Genesi da cui è partito Jorge Mario Bergoglio allo Yad Vashem, dopo aver ravvivato la fiamma perenne della sala della “Rimembranza”. “Dove sei, uomo? Dove sei finito? In questo luogo, memoriale della Shoah, sentiamo risuonare questa domanda di Dio: ‘Adamo, dove sei?’. In questa domanda c’è tutto il dolore del Padre che ha perso il figlio.
    Il Padre conosceva il rischio della libertà; sapeva che il figlio avrebbe potuto perdersi ma forse nemmeno il Padre poteva immaginare una tale caduta, un tale abisso! Quel grido: ‘Dove sei?’, qui, di fronte alla tragedia incommensurabile dell’Olocausto, risuona come una voce che si perde in un abisso senza fondo…”, ha proseguito il Papa. “Uomo, chi sei? Non ti riconosco più. Chi sei, uomo? Chi sei diventato? Di quale orrore sei stato capace? Che cosa ti ha fatto cadere così in basso? Non è la polvere del suolo, da cui sei tratto.
    La polvere del suolo è cosa buona, opera delle mie mani. Non è l’alito di vita che ho soffiato nelle tue narici. Quel soffio viene da me, è cosa molto buona. No – ha continuato il Papa – questo abisso non può essere solo opera tua, delle tue mani, del tuo cuore…
    Chi ti ha corrotto? Chi ti ha sfigurato? Chi ti ha contagiato la presunzione di impadronirti del bene e del male? Chi ti ha convinto che eri dio? Non solo hai torturato e ucciso i tuoi fratelli, ma li hai offerti in sacrificio a te stesso, perché ti sei eretto a dio.
    Oggi torniamo ad ascoltare qui la voce di Dio: ‘Adamo, dove sei?’. Dal suolo si leva un gemito sommesso: Pietà di noi, Signore! A te, Signore nostro Dio, la giustizia, a noi il disonore sul volto, la vergogna. Ci è venuto addosso un male quale mai era avvenuto sotto la volta del cielo.
    Ora, Signore, ascolta la nostra preghiera, ascolta la nostra supplica, salvaci per la tua misericordia. Salvaci da questa mostruosità. Signore onnipotente, un’anima nell’angoscia grida verso di te. Ascolta, Signore, abbi pietà! Abbiamo peccato contro di te.
    Tu regni per sempre. Ricordati di noi nella tua misericordia. Dacci la grazia di vergognarci di ciò che, come uomini, siamo stati capaci di fare, di vergognarci di questa massima idolatria, di aver disprezzato e distrutto la nostra carne, quella che tu impastasti dal fango, quella che tu vivificasti col tuo alito di vita.
    Mai più, Signore, mai più! ‘Adamo, dove sei?’. Eccoci, Signore, con la vergogna di ciò che l’uomo, creato a tua immagine e somiglianza, è stato capace di fare”, ha concluso Jorge Mario Bergoglio. “Ricordati di noi nella tua misericordia. )

    LE SCRITTURE CHE PRESENTO SONO

    DA RITENERSI SCRITTURE SPIRITUALI

    E NON SI ANNETTE LORO ALTRA

    VALENZA CHE NON SIA QUELLA DI

    VIVIFICARE NELL’ANIMO UMANO NEL

    PIENO DISCERNIMENTO DEL PROPRIO

    LIBERO ARBITRIO.

    OPERATION UNITARY UNIFICATION OF RELIGIONS

    RISVEGLIO DELL’ESSERE PER IL RISVEGLIO DELLE

    COSCIENZE ALL’ALBA DEL TERZO MILLENNIO

    RIVELAZIONE STORICA, FILOSOFICA,

    RELIGIOSA E SPIRITUALE DEL

    CAMBIAMENTO NEL TERZO MILLENNIO

    MOVIMENTO JURMIANO DI UNIFICAZIONE

    UNITARIA DELLE RELIGIONI MONDALI

    JOHANNES UNIFICATOR RELIGIO MUNDI

    PREDICATORE DEL TERZO MILLENNIO

    IL NUOVO GIOVANNI BATTISTA PROFETA DEL

    PASSAGGIO DALLA VECCHIA ERA ALLA NUOVA

    IL GRANDANGOLO SPIRITUALE DEL RISVEGLIO DELL’ ESSERE PER UN RISVEGLIO DELLE COSCIENZE ALL’ALBA DEL TERZO MILLENNIO.

    Oggetto: Unificazione unitaria Jurmiana delle religioni del mondo a cura di JURM Ben ISman.

    Nome spirituale: JURM Ben ISman

    Interessi: Ricercatore autodidatta religioso spirituale e libero pensatore.

    Citazioni: Fatti non foste a viver come bruti ma per seguir virtude e conoscenza.

    Non ti curar di loro ma guarda e passa.

    Vivere la vita per proiettare il Sé Cosciente.

    Descrizione: JURM Ben ISman, con il suo pensiero filosofico, storico, religioso e spirituale si appella alla profonda integrità interiore dell’essere in quanto tale e va oltre le sue mutevoli e momentanee appartenenze temporali.

    I presenti scritti che mi curo di presentare a tutte le preziosissime anime della Terra sono protese al risveglio dell’essere per il sacro risveglio delle coscienze.

    Pregiatissimi, invito a dare piena voce, visibilità ed azione al progetto di unificazione unitaria delle religioni per una umanità di pace e amore universale che JURM Ben ISman presenta e propone.

    Potreste scoprire di essere persona diversa da quella che vi hanno fatto credere di essere, affrontatevi, è nel vostro pieno diritto, credeteci totalmente con tutto voi stessi senza remore.

    Auspico, si prenda in serio esame la presente proposta di un vigoroso ripensare sulla natura dell’essere umano in una sua nuova re – interpretazione, nel caso contrario non faremo altro che riaffermare supinamente e tacitamente tutte quelle miriadi di sublimazioni effettuate, confermate e amplificate in modo abnorme su di noi nell’arco dei tempi.

    Nella malaugurata ipotesi di rifiuto causa incoscienza e mera paura su tale possibilità che mi è dato presentare, mi viene obbligo ricordare che nel qual caso perpetueremo tutte quelle sublimazioni immaginabili ed inimmaginabili avvenute a nostro danno e nel qual caso fardelleremo tale peso nel mondo del nostro futuro e cosa ancora più grave consegneremo il tutto alle nuove generazioni nel mondo del loro futuro.

    La filosofia religione spirituale Jurmiana di JURM Ben ISman, rimuove tale disastroso fissaggio –ancoraggio al vecchio sistema mondo e ci proietta dentro il nuovo sistema mondo che è già operante è già attivato, bisogna solo prenderne consapevolezza, coscienza individuale e collettiva per il vero riapproprio del nostro individuale potere che si badi bene non consegneremo mai più a nessuno forti delle nostre piene libertà e infinite sacre possibilità riconquistate.

    NON ABBIATE PAURA, noi siamo il nostro pensare, noi siamo la nostra volontà, noi siamo la nostra scelta, noi siamo il nostro agire, noi siamo il sogno di DIO, noi siamo il suo e nostro di-venire attuativo che con la nostra volontà e compartecipazione realizza se stesso.

    Nel presente tempo del terzo millennio il proselitismo non ha più motivo di essere, si deve capire che è solo motivo di divisione tra le religioni ed è continua fonte di conflitti tra le religioni stesse e le civiltà.

    Per religere riunire il tutto nella planetaria unificazione unitaria delle religioni, bisogna pacificamente abolire il proselitismo in tutto il mondo, in pratica è anche ciò che intendo quando affermo, OGNUNO RESTI NEL GREMBO DELLA PROPRIA RELIGIONE ABBRACCIANDO L’UNIFICAZIONE UNITARIA DI TUTTE LE RELIGIONI.

    Ognuno si riappropri della sua interiore identità di appartenenza.

    Per tutte le anime – persone che non si sono ancora pronunciate ma che desiderano e sentono il bisogno di farlo, non resta che rivolgersi e donarsi con tutto loro stessi all’amato nostro PADRE L’IDDIO UNO che accoglierà tutti noi dal primo all’ultimo con immenso ed infinito amore.

    Nel donarsi consapevolmente o meno ALL’IDDIO UNO PADRE NOSTRO sta tutta la differenza tra l’umano e nell’umano.

    Si divenga la voce unica mondiale di pacifica pressione che pro-venga dal basso.

    Si riconquisti la piena libertà del proprio potere individuale rapportato al servire collettivo volontario.

    Pressioni, pressioni ed ancora pressioni pacifiche sulle religioni ed i suoi preposti – rappresentanti
    divenga il tutto “ Sommovimento Tellurico Planetario Filosofico, Spirituale e Religioso Universale.

    CORRE VOCE………… CORRE VOCE………… CORRE VOCE………… Non si lasci nulla di intentato.

    RELIGIONE = RELIGIO = RELIGERE = RIUNIRE = UNIRE.

    Ciò che dal creatore viene al creatore torna.

    La realizzazione della unificazione unitaria delle religioni mondiali riconoscentesi NELL’IDDIO UNO è gia in atto, la sua creazione sta già fenomenizzando se stessa.

    Adesso spetta all’umanità vivificare il tutto in sé prendendone piena consapevolezza e amorevole accettazione.

    Rendiamo l’unificazione gioiosa e pacifica, l’umanità merita di gran lunga tale santificazione di amore.

    IL cambiamento siamo noi, il cambiamento accade adesso, il miracolo siamo noi, il miracolo accade adesso è inevitabile é ineluttabile!!!!!!!

    Adattamento da: IL MANIFESTO STORICO RELIGIOSO SPIRITUALE di JOHANNES UNIFICATOR RELIGIO MUNDI a cura di JURM Ben ISman.

    Preciso, di non avere la presunzione di insegnare niente a nessuno, invito solo a ricordare ciò che da sempre è interiormente nostro e che una volta ridestato riconsegna se stesso a sé avvicinandoci alla nostra universale interezza.

    Questo è il riapproprio dell’individuale nostro sovrano e divino potere che si riconquista e si riconferma nella sua presa di coscienza consapevole.

    Noi siamo dentro DIO e DIO è dentro di noi, così come, DIO è in noi, noi siamo in DIO.

    Ognuno resti nel grembo della propria religione, abbracciando la unificazione unitaria delle religioni del mondo, ci si riappropri della propria identità di appartenenza.

    E’ la scelta individuale rapportata a quella collettiva che crea l’azione formando co – creazione sul piano sensibile, basta solo compiere la scelta, basta solo passare all’azione, basta solo farlo.

    Qui troverete la coscienza scomoda dell’umanità, potreste scoprire di essere persona diversa da quella che ci hanno fatto credere di essere, affrontiamoci è nel nostro pieno diritto, scopo principe è unificare – religere e ricerca il risveglio dell’essere per un risveglio delle coscienze, condizioni basilari per debellare le guerre di religioni e le guerre di civiltà, si rammenti che noi siamo un corpo unico totale.

    Noi tutti siamo in grado di modificare in meglio se vogliamo anche il nostro futuro già scritto intervenendo sul passato con atti presenti di inversione e con essi modificare un disastroso futuro già scritto dall’umanità.

    Un altro futuro migliore possibile è alla nostra portata, bisogna decidersi e riscriverlo tutti insieme , usciamo allo scoperto agendo di conseguenza, subito, adesso.

    Ci si imputa, di aver ridestato sulla terra la sacra pianta universalista L’ARABA FENICE che risorge dalle proprie ceneri.

    La nostra titanica lotta avanza con radioso successo forti dell’appoggio delle immense forze spirituali inviateci dal cielo e poste al servizio della santissima causa dell’umanità.

    Nell’approfondimento delle scritture di JURM Ben ISman è consigliabile scaricarli – stamparli per una migliore lettura che non sia solo conforme alla lettera ma anche a quella spirituale, solo allora si potrà avere una visione d’insieme, che è tutto all’infuori che globalismo, che è tutto all’infuori che nuovo ordine mondiale, che è tutto all’infuori che autoritarismo è proprio tutto il contrario.

    Non inveite, inveireste contro quella parte che al momento rifiutate di accettare in voi stessi, si prenda atto che si dovrà solo capire, si prenda atto che si dovrà solo trovare la dovuta forza di accettazione consapevole che l’anima nostra ci saprà donare appena dopo l’individuale ed amorevole nostra sentita richiesta dell’io scelgo consapevole.

    Si rimarca con deciso sentire che non è una setta.
    Si rimarca con deciso sentire che non è una comunità chiusa.
    Si rimarca con deciso sentire che non è niente di coercitivo.

    E’ lo squarciar del velo è nascere a se stessi è iniziatico.
    E’ un movimento religioso che non vuole avere adepti ne fare proseliti.
    E’ un movimento di pensiero antirazzista, pacifista e universalista.

    E’ un movimento filosofico religioso spirituale decisamente anomalo.
    E’ un movimento rapportato liberamente al sé, al prossimo e a DIO.
    E’ un movimento fuori dal vecchio sistema collassante su se stesso.

    E’ il movimento religioso del nuovo mondo che sta già partorendo.
    E’ il movimento del ripristino della coscienza consapevole universale.
    E’ lo stato mentale che viene dal cuore.

    E’ lo stato mentale che viene dall’Anima.
    E’ lo stato mentale che viene dallo Spirito.
    E’ lo stato mentale che richiamato a se, affiora con possanza.

    E’ lo stato dell’essere risvegliato e responsabilizzato.
    Usciamo dalle celle divisorie imposteci e veniamo tutti allo scoperto.
    Si determini con forza possente la propria intenzione pacificatrice.

    Non vi curate dei spaventa passeri, loro non sono consci di esser tali, appena lo saranno, diverranno i nostri più sacri alleati, li accoglieremo con grande giubilo, festanza e a braccia aperte.
    Al momento mi viene da dire, non ti curar di loro ma guarda e passa.
    L’umanità sia libera dai sensi di colpa, dal bisogno, dalla paura, dalla schiavitù, dalla miseria imposta, dall’opulenza ritorsiva e dalle manipolazioni.

    Chiamo ogni spirito creatore votato al cambiamento planetario ad un TAM–TAM Mondiale.
    Usatemi attraverso le scritture di JURM Ben ISman.
    Usatemi per la unificazione unitaria delle religioni.
    Usatemi per il risveglio dell’essere.
    Usatemi per la pacificazione mondiale.
    Usatemi come servitore dell’umanità quale io sono.
    Usatemi per la unificazione dell’umanità.
    Usiamoci l’un l’altro per la nostra causa comune.

    Al palesarsi del nuovo sistema mondo e dopo un periodo fisiologico di transizione – assestamento, si verificheranno molto ma molto meno crimini, assassini, furti rapine e reati in genere.

    La condanna punitiva non è il metodo per la cura, lo è invece la presa di coscienza consapevole, il risveglio della coscienza è ciò che responsabilizza, previene, cura e rimuove.

    L’etica – morale attuabile la troviamo nello stadio di auto identificazione consapevole che viene dalla presa di coscienza!!!!!!!

    La colpa dell’individuo non annulli mai la sua incontaminabile dignità e integrità interione!

    E’ riportato, che, quelli che i presunti Dei vorranno distruggere li farebbero prima impazzire, anche in questo caso il rinsavimento dell’umanità è comunque alla nostra portata, noi ne abbiamo il potere basta solo riprenderselo basta solo volerlo basta solo farlo, si rinsavisca in tempo utile.

    Si è folli a questo vecchio – obsoleto sistema – mondo che si illude di cambiare perpetrando i propri errori, si è savi al nuovo sistema mondo che stiamo già partorendo e che rigetta i propri errori proiettandosi nell’era consapevole del perdono, verso la coscienza universale d’amore, basta connettersi.

    Ricordo che il miracolo accade adesso, facciamone parte.

    Eleviamo la coscienza collettiva mondiale, che sia aperta libera e che richiami se stessa a sé, così agendo si avrà una umanità planetaria compatta, coesa ed inattaccabile.

    Quando l’umanità – mondo chiede aiuto è il momento di intervenire e questo è il momento!!!!!!!
    Chiamiamo a noi ed in noi tutti i nostri antenati fin dall’inizio dei tempi, loro non potranno mancare di venire a noi ed in noi poiché noi siamo il solo motivo per cui a loro volta essi vennero al mondo nel proiettare il loro sé cosciente.

    Creiamo il ponte delle religioni del mondo, con la verità di puro amore che è la sostanza DELL’ UNO, accogliamo L’ IDDIO UNO nei nostri Cuori, venga il regno d i DIO in Terra.

    Ricordo che noi tutti siamo la luce del pensiero vivente del Sé Cosciente che dall’universo portiamo come dono al genere umano!!!!!!!

    Se è vero come dicono che l’universo sia matematico musicale, se è vero come dicono che il sistema solare sia dinamico, se è vero come dicono che il mondo moderno sia liquido interpretativo, allora di sicuro vero è che l’umano è tutto ciò.

    Data la mia ferma ed incrollabile volontà e compito determinato di adoperarmi al risveglio delle coscienze e considerando la mia indole caratteriale decisamente burbera, mi viene da dire, che tutto potrò essere meno che simpatico, non me ne vogliate.

    Mi è stato detto, che, se andrò avanti con il progetto in questione come minimo mi si mangeranno vivo, rispondo a ciò, che nel qual caso io sarò ancora di più in loro, insieme diverremo la grande forza propulsione del progetto Jurmiano di Jurm Ben Isman, io sarò in loro e tra di loro e saremo un tutto uno per la santissima nostra umanità e per la causa comune del veniente nuovo sistema mondo.

    Fai la differenza, sii la differenza quale realmente sei nella danza della co – creazione della vita e dell’amore.

    Sii tu a determinare te stesso e non ad essere da altri determinato, pur essendo nel mondo ma non essendo più del mondo osservalo osservando anche te stesso con dovuto distacco e sarai tu a determinare e non ad essere determinato.

    Avverto tutti con assoluta certezza del fatto che si stia verificando un nuovo contatto tra gli umani e con esso un modo diverso di interagire tra di noi, un agire che viene dal Cuore, che parte dallo Spirito, raggiunge l’Anima e perviene al cuore, prendiamone piena consapevolezza, questo ci riconsegna alla nostra sacra fratellanza planetaria di cui eravamo dimentichi dal dettame inflittoci dal vecchio sistema – mondo.

    La nostra forza e determinazione divenga e resti incrollabile anche oltre il tempo e lo spazio.

    Sia vita, amore, verità, libertà, giustizia Terrena e Celeste, clemenza, perdono, tolleranza, solidarietà, rispetto, prosperità, benessere, pace, salute, serenità, gioia e felicità.
    Le profezie sono messaggi-avvertimenti DELL’ETERNO sul nostro futuro per tramite e voce dei profeti, è bene farne sempre tesoro, ma attenzione, ce ne sono anche di manipolate-falsate dall’uomo stesso per il mantenimento del proprio potere anche dopo il loro tempo e nel futuro altrui.

    Dette profezie falsate sono vere solo in parte, esse sono vere in alcune identificazioni efficaci per far cadere nel trabocchetto ingannatore ma false sulla definizione del fine ultimo.

    Esse sono poste ed indotte con il fine di dare a credere all’umanità ciò che non sarà, avvalendosi di alcuni punti veri e facendoli risalire ad un fine falsato non stante nella realtà futura del fine degli accadimenti, questo per impedire la realizzazione di ciò che non è nelle corde dei manipolatori del passato anche verso il nostro futuro presente.

    In sintesi, il loro intento e ricerca è di voler sovvertire dal loro passato tramite l’imbroglio anche il nostro futuro che è ora il nostro adesso-presente.

    A tale titolo, fu inserita la falsità per inculcarla anche nel DNA delle nostre generazioni, oltre che nelle menti ignare.

    L’inganno si adopera in tutti i modi possibili ed impossibili anche nel voler far passare come un futuro malevole ciò che invece dopo la ciclica rigenerazione di nostra madre terra e rinascita spirituale dell’umanità, sarà solo che benevolo anche nell’intento di volontà, di scelta, di azione, di verità e di amore sostanziale universale.
    Nell’aver inserito l’inganno in alcuni scritti sacri sta l’imbroglio e la falsità verso l’intera umanità e verso L’ETERNO nostro DIO.

    E’ ormai il tempo che tornino alla luce le sacre scritture originali ancora esistenti e non contaminate dalle manipolazioni che l’uomo ha apportato su di esse nell’arco dei tempi.

    Uno studio scientifico spirituale comparato si renderà necessario e senza alcuna egemonia di controllo a comparti stagno, tutti dovranno sapere tutto all’istante.

    Si faccia piena luce sul passato, presente e futuro dell’umanità, del mondo e dell’universo, senza equivoci, imbrogli e censure, metteremo tutto alla luce del sole, tutti dovranno sapere, tutti potranno donare il loro perdono, tutti potranno offrire e donare la loro clemenza, invito a ragionare di nostro con tutto il cuore.

    Usiamo il nostro discernimento, usiamo il libero arbitrio donatoci.
    Ricordo che noi tutti siamo vita e amore anche per offrire e donare clemenza.

    Per-doniamo noi stessi e saremo sulla buona strada per per – donare il nostro prossimo con clemenza universale.

    CRISTO nei nostri cuori e lode ALL’ETERNO nostro DIO.
    Sia perdono, clemenza e pace a tutti i popoli della Terra.

    PS
    Aggiungo ulteriori appunti per non essere frainteso, io parlo solo di una mia remota ipotesi intuitiva che dovrebbe essere comprovata per essere confermata, niente di più e niente di meno. La mia non è alcuna guerra preventiva ne presente ne futura verso le religioni, me ne guarderei bene, io sono per la unificazione unitaria delle religioni, non potrebbe essere diversamente.
    IL mio è il puro interrogarsi dell’animo, tutto qui.

    Una sana rilettura di comparazione dei libri sacri originali compresi quelli ancora nascosti che spero troveranno presto la luce.

    Una rilettura anche dei libri apocrifi che vengano affrontati in senso di piena apertura e alla luce delle esigenze che il terzo millennio presenta, potrebbe, apportare nuova linfa nel risveglio dell’essere per un risveglio delle coscienze.

    Se poi davvero nelle ipotetiche parti mancanti o manomesse si possano trovare le nostre risposte, cosa dire, chissà chi lo sa, fatto è che noi ne siamo ancora alla continua ricerca, questo dovrà pur significare qualcosa in noi.

    Faccio una proposta sfacciata, auspico una rilettura dei libri originali delle sacre scritture delle religioni del mondo, che sia posta nel senso di vita e di amore pacifista-universalista con la rimozione qualora si voglia ben inteso, degli equivoci che creano – generano incitamento all’oppressione, alla violenza, all’odio etnico, all’odio in generale, alle guerre tra nazioni, al razzismo di popoli e di nazioni.
    Al contributo per pacificare il mondo, vedrei bene una spontanea rilettura dei testi sacri in tono del tutto pacifista, tale nuova rilettura allo stato dell’oggi la vedrei bene come grande segnale delle religioni quale dono e atto di pace e di amore verso l’umanità stessa nonché quale atto di riparazione per gli immani errori e crimini commessi nell’arco dei tempi dagli uomini a scusante delle religioni.

    La richiesta non appaia eccessiva, essa è pur sempre alla nostra portata.

    Le religioni trovino la forza di pacificarsi realmente con gioia ed amore tra di loro e pacificheranno l’umanità tutta.

    Ricordo che noi viviamo nel mondo della contraddizione per completarci, l’uomo stesso si riconosca anche nella contraddizione di se stesso.

    CRISTO nei nostri cuori e lode ALL’ETERNO nostro DIO.

    Un invito, si cerchi di seminare nei buoni campi e all’umanità la spettanza del raccolto.

    Mi si chiede se ho raccolto pareri e consensi sul progetto di JURM Ben ISman che ne è il portatore, ebbene fino ad adesso nella rete del pescatore si è trovato un po’ di tutto incominciando dalle minacce più o meno velate alle peggio invettive nonché consensi misurati ma restii nel volersi porre in gioco, del tipo vai avanti tu che una volta verificato il positivo riscontro allora potrai contare su di noi.

    Comunque il loro appoggio anche se solo misurato ed apparente non può che dare speranza e fiducia, in fondo sono pur sempre dei semi piantati sulla creazione che realizza se stessa.

    Il vero muro di gomma arriva quando si prende contatto con le religioni stesse, le quali si sentono attaccate e minacciate nella loro nicchia, una possibile unificazione unitaria li spaventa enormemente perché pensano toglierebbe loro potere cosa assolutamente non vera ma come si sa la paura atterrisce mentre lo “status quo” della separazione delle religioni stesse li rassicura in quanto quello conoscono.

    L’Idea del nuovo li pietrifica, non sono preparati ma dovranno adeguarsi al cambiamento che è ormai del tutto irreversibile, l’unificazione unitaria delle religioni è già nei fatti, i preposti – rappresentanti delle religioni lo sanno ma non vogliono ancora riconoscerlo ritardano il cambiamento, in sintesi hanno paura di loro stessi.

    Per fortuna non tutte le religioni la pensano cosi, c’e ne sono diverse che trovano il cambiamento possibile, attuabile, auspicabile se non inevitabile ed ineluttabile, nomi non se ne fanno, se vorranno spetterà loro farsi avanti palesemente, io li aspetto fiducioso a braccia aperte, loro sanno come e dove cercarmi e trovarmi.

    La vera spinta per tale simile cambiamento dovrà avvenire tramite propulsione consenso e pressione di massa che parta appunto dal basso e che sia vera e potente spinta verso i preposti – rappresentanti delle religioni mondiali che saranno portati ad agire secondo volere dell’umanità tutta, faccio loro notare l’irreversibilità di tale progetto di unificazione unitaria delle religioni che si badi bene non riguarda uniformare i loro credi, che resteranno per come sono al momento definiti.

    Mi si chiede come penso sia ciò possibile e attuabile, rispondo prima provocatoriamente con un’altra domanda, ma come si possa pensare una cosa simile non possibile? E poi rispondo alla domanda stessa, basta solo farlo, basta solo volerlo è tutto nella scelta dell’umanità.

    Ricordo che il miracolo siamo noi.
    Ricordo che il miracolo accade adesso.
    L’Umanità sproni l’agire delle religioni e dei suoi preposti – rappresentanti.

    Appena la JèRUsaleM simbolica spirituale chiama, JURM Ben ISman saprà rispondere all’appello alla chiamata.
    E’ pur vero che per poter svolgere al meglio il ruolo storico, filosofico, religioso, spirituale di cui sono portatore dovrò avvalermi pur sempre di una sorta di investitura popolare, se l’umanità è pronta JURM Ben ISman dichiara di essere pronto con essa, niente di più facile, niente di più vero, il resto sarà di conseguenza.

    Io sono certo di essere plasmato dalle ere e dalla vita al compito datomi ed affidatomi dall’Alto, compito da me sposato nella unificazione unitaria delle religioni nell’adoperarmi al risveglio dell’essere per il sacro risveglio delle coscienze, ricordo che noi si debba poter volare in quanto i cieli ci appartengono.

    Ricordo che l’umanità ricolma di DIO è posta nella sua divina e possente resistenza pacifica spirituale.

    IL vecchio sistema mondo è ormai svanito, scomparso, dissolto, il passaggio è realizzato, la nuova nascita è avvenuta basta solo prenderne consapevolezza ed accettazione.

    Da adesso signori miei è tutto un altro mondo E’ TUTTO L’ESSERE NELL’ESSERE, ricordate, da adesso si gira tutto un altro film è tutto un altro mondo, da adesso si è nel mondo dell’essere, nel mondo dell’amore, nel mondo della libertà, nel mondo della giustizia celeste, nel mondo del benessere, nel mondo dell’abbondanza, nel mondo della vera vita in cui si vivrà la vita non essendo più vissuti dalla vita.

    Nel prendere piena consapevolezza del nostro nuovo piano a cui siamo stati chiamati sta parte del nostro risveglio, la vecchia recita per questo mondo non è più valida mentre la nuova recita và interpretata e vissuta in modo cosciente con l’essere sempre presente a sé stessi.

    Noi tutti siamo UNO, se ancora costrizioni forzate ci riguarderanno, facciamocene tutti carico e ne saremo compartecipi risolvendo il tutto senza eccessiva catarsi e dopo la rigenerazione di nostra madre terra e il risveglio spirituale dell’umanità vivremo appieno il nostro nuovo piano esistenziale di vita universale.

    Se queste cose le capiremo allora li potremo vivificare in noi stessi e tutto ci apparirà nella sua divina grandezza, se invece ci scivolerà addosso non saremo in grado ne di assorbirle ne di capirle ne di viverle, nel qual caso non ci resta che lavorare ancora su noi stessi, solo la persona ne possiede la chiave e nessuno potrà farlo per altri.

    Non scoraggiamoci adoperiamoci appieno alle comprensioni di noi stessi, ciò è alla nostra portata, alla nostra grandezza che deve ancora risvegliare se stesso.
    Consiglio di restare simbolicamente ed idealmente ritti a mo di croce, immobili e al centro degli uragani attendendo gli avvenimenti dopo averli lungamente e ripetutamente ricercati, procreati e provocati.

    Ricordo che la provocazione è strumento di riuscita nell’agire delle nostre azioni, diamoci da fare operatori coscienti nel CORPUS DEUS del nostro nuovo piano universale consapevole, AVE MASADA dove AVE MASADA sta a EVA e ADAMO cosi come MASADA sta a luogo sacro simbolo di resistenza spirituale posto nell’uomo ADAMAS ed EVA – AVE MASADA.

    Ognuno si adoperi di suo in rapporto a ciò che è interiormente, NON ABBIATE PAURA, il nostro domani è riposto nelle mani di DIO a suo pensiero e cura, a noi quella di fare la nostra parte.
    Rilasciare le vecchie coordinate ormai disattivate, rapportarsi alle nuove coordinate appena attivate e poste in essere del nuovo piano esistenziale universale, per tale compito lasciamoci guidare dal nostro cuore.
    Si ribadisce la ferma intenzione e priorità di voler sensibilizzare l’opinione pubblica ed ottenere l’indispensabile suo consenso.
    E’ anche mia ferma intenzione e volontà di non trascurare le istituzioni religiose organizzate ed i rappresentanti preposti anzi riaffermo la loro cardine importanza al processo di trasformazione del nuovo pensiero umano e del suo agire all’alba del terzo millennio sempre loro volendo…
    Con questo nostro lavoro offriamo alle istituzioni religiose e ai loro preposti la loro scialuppa di salvataggio e la offriamo su un piatto d’argento, non se la lascino sfuggire.

    Sia ben chiaro che nel caso di una loro definitiva chiusura e rifiuto esse ed essi non faranno altro che chiamarsi fuori dal contesto dei nuovi tempi umani…

    Nel qual caso non ci resterà che passare oltre ed attuare la rivoluzione senza l’apporto ulteriore delle istituzioni religiose organizzate e dei preposti rappresentanti che saranno ritenute e ritenuti inevitabilmente sorpassate e sorpassati dalla loro stessa eventuale caparbia ed ottusa chiusura non che rifiuto al nuovo corso di trasformazione…

    Da una loro malaugurata chiusura esse ed essi non saranno più riconosciute e riconosciuti dal nostro nuovo popolare sentire rivoluzionario mondiale…

    Ma, sono altre si convinto che capiranno in ultima analisi ed in tempo utile il particolare momento storico e l’importanza di tale indispensabile trasformazione e compito, sono sicuro e mi auspico una loro totale ed indispensabile collaborazione alla realizzazione di tale progetto, vi supplico non chiamatevi fuori…

    Auguriamoci vivamente di tutto cuore che tutte le religioni e i preposti rappresentanti si ravvedano in tempo utile e prendano parte attivamente con amore e fervore alla unificazione unitaria delle religioni e del suo nuovo pensiero filosofico spirituale religioso Jurmiano…

    IL progetto, comunque sia verrà portato a realizzazione compiuta, questo per volontà dei popoli tutti e del nuovo nostro sentire comune. Non chiamatevi fuori…

    IL miracolo accade adesso, il miracolo siamo noi umanità, facciamone parte, ricordo che NOI SIAMO UNO.
    La paura genera mostri crea pietrificazione ed immobilismo facendo il gioco proprio di quel nefasto che vorremo e dovremo debellare e rigettare ma che imputiamo erroneamente ad altri che si adoperano invece con tutto loro stessi e con le migliori intenzioni per rimuovere tale danno.

    Per fare il suo gioco, basta non fare niente, basta non muovere foglia.

    Attraverso il mio strumento, L’ IDDIO CREATORE ci pone di fronte a noi stessi, dopo di ché se permettete a noi il compito di cucinarci da soli a puntino nel nostro stesso brodo, ciò ci spetta di diritto e di rovescio…
    .
    La filosofia religione spirituale universale Jurmiana di JURM Ben ISman è sorella e fratello di tutte le religioni venienti DALL’IDDIO UNO CREATORE che a lui si apprestano a fare ritorno.

    Capisco, che mi si rimproveri più volte di non essere sufficientemente chiaro nei miei scritti, cosa dire a tale proposito?
    E’ difficile per me scrivere più chiaro di come faccio più semplice non riesco, scusatemi.

    Non dimentichiamo che l’esprimersi velatamente ci porta alla verità in quanto esso ci avvicina al suo nascondimento, usando le sue stesse corde ne diviene il chiavistello – la toppa, mentre la chiave sta nella singola persona che ne fa uso ed una volta stimolato e attivato esso si apre alla comprensione di se stesso.

    Rileggere con attenzione – vivificante i miei scritti e si noterà che di chiarezza c’è ne fin troppa, essa è rivolta alla vostra profonda interiorità valente più che al vostro essere elementare – primario.

    Non è nella più o meno maestria dialettica della discussione che troveremo le risposte, esse saranno riposte solo nell’interrogare se stessi e solo allora troveremo e capiremo le verità nostre.

    Concludendo, preciso e puntualizzo di non ricoprire allo stato presente nessuna carica pubblica.

    Riporto, con consapevolezza e convinzione le evidenti manipolazioni perpetrate a tutto campo e consolidate ripetutamente con diabolica perseveranza e ininterrotta continuità ai danni dell’umanità.

    Manipolazioni realizzate con più efficacia proprio per mezzo delle ideologie estreme, che non, e in tale misura e a fronte di tutto ciò e bene adoperarsi e prefiggersi o quanto meno cercare in tutti i modi di non cavalcarle mai più ovunque esse si presentino.

    Non si può non convenire all’evidenza di quanto scientemente in modo disastroso è stato perpetrato nell’incoscienza dei più tramite inganni ideologici e sicure miserie poste a totale inganno delle genti.

    Bisogna anche ammettere che , dobbiamo un ringraziamento di cuore a coloro che hanno subito in tutto il mondo tali inganni di ogni sorta e da qualsiasi parte ideologica su falsi ed irraggiungibili miraggi dove essi hanno sperimentato tale negatività per l’umanità intera anche in senso spirituale, essi li hanno accettati e vissuti in buona fede, evidentemente sono ancora in parte esperienze che l’umanità doveva e forse deve ancora del tutto attraversare, superare e risolvere.
    Così dicasi anche per le esperienze profondamente negative e altamente disastrose del capitalismo esasperato che ha operato su di noi, esso ha reso parte dell’umanità schiava dell’opulenza ritorsiva e se vogliamo ben vedere ha creato anche tanta povertà e falsi miraggi di presunti benessere fasulli posti come carota per l’asino, per non parlare poi delle orrende e rovinose dittature in tutto il mondo che buona parte dell’umanità si è trovata ad accollarsi suo malgrado sul proprio groppone, nel senso di averle forzatamente dovuto viverle o che ancora vivono sulla propria pelle.
    Tutte queste rovine hanno lasciato terra bruciata dietro di se e ciò è stato commesso volutamente per fiaccare la potenza Divina che è posta nell’essere umano, ma, in verità il risultato ottenuto ci ha invece rafforzati in un modo incredibilmente immenso sempre che l’umanità prenda coscienza e sappia e voglia vivificare in se la sua grandezza che ci viene da DIO UNO UNI – VERSO.
    Le ideologie, cosi come i regimi totalitari e i sistemi capitalistici sono tutte trappole per imbrigliare l’essere umano e renderlo schiavo per l’intero corso della sua vita Terrena, quando invero avrebbe bisogno di cose semplici cosi come di cose della Terra che L’IDDIO UNO UNI – VERSO ci ha voluto amorevolmente fornire a sufficienza, basta che il tutto sia posto dall’uomo in quel contesto di amore NUOVO e ANTICO nello stesso tempo di un sistema mondo che rispecchi a pieno una tale visione condivisibile di una vita semplice, amorevole, spirituale dedicata a se e agli altri, leggasi: AMA TE STESSO, AMA IL TUO PROSSIMO COME TE STESSO E L’IDDIO UNO AL DI SOPRA DI OGNI COSA.

    Merito e lode ai due additati nelle loro differenti epoche come ” I CRIMINALI “,
    essi hanno risvegliato spiritualmente l’umanità e portato salvezza donando
    cosciente consapevolezza di UNI – VERSALISMO NELL’IDDIO UNO –UNIVERSO e mi
    riferisco ad AKEHNATON e a JESUS CRISTUS, ciò, sia chiaro a tutti e consiglio di non credete a chiacchiere fasulle Akehnaton è stato calunniato da delatori del suo e dei nostri tempi.

    Lui è stato perseguitato da brutali delazioni e martoriato in tutti i modi fino all’estrema condanna dilapidato nell’anima e nello Spirito per poi essere assassinato proprio come fecero con J E S U S C R I S T U S, simbolicamente e realmente si può crocifiggere in diversi modi.

    Le loro colpe erano di essere giunti alla verità suprema e questo l’uomo di ieri, di oggi e di domani carico di potere malsano e a motivo di detto potere, non poteva, ne può, ne potrà mai ne vorrà mai ne ammettere, ne riconoscere, ne concedere ne perdonare ai due “criminali” ne ad altri eventuali “criminali” uomini figli di DIO che siano essi portatori di verità Suprema e di libertà Universali.

    A COMPLETAMENTO DEL GRANDANGOLO SPIRITUALE DEL RISVEGLIO DELL’ESSERE: IL SOLE SIMBOLO DELL’ENERGIA DIVINA NELLA TOTALITA’ DEL REGNO DELL’IDDIO UNO UNI-VERSO.

    Come vero è che il Sole è simbolo dell’energia Divina che sa da dove viene e sa dove approderà cosi noi umani si possa essere coscienti di noi stessi e sul nostro andare.

    FRATELLI, in quello che scrivo troverete che non parlo del SOLE come fine a se stesso ma invito e richiamo ad una ri-congiunzione SOLARE come parte di DIO stesso verso un ricomponimento consapevole alla Sorgente UNI PRIMARIA che è L’IDDIO UNO stesso, L’ASSOLUTO, IL GLORIOSO.

    Si dovrà solo capire, ciò che non è chiaro oggi sarà chiaro domani.
    IL Sole con il nostro mondo, l’atmosfera respirabile e l’acqua sono dopo DIO le cose più importanti che ci potessero capitare cose che sono sempre parti DELL’ASSOLUTO CHE E’ AMORE.

    Nel presente tempo della lotta finale dei figli della luce contro i figli della oscurità si ridesta e si ripresenta il ripristino della coscienza rivoluzionaria di Akhenaton se mai fosse stata veramente sopita dal tempo dei millenni.

    Essa si ripropone con fermezza e decisione nel mondo degli umani dove essa trova concordanza nella Coscienza CRISTICA in JESUS CRISTUS, in quella complementarietà di intenti in DIO UNO nell’amore universale dove il tutto si realizza in DIO in noi, in DIO tra di noi, in DIO-UNIVERSO e in DIO tra gli UNI-VERSI degli UNI-VERSI quale puro SPIRITO che tutto permea e tutto pervade quale soffio DELL’ASSOLUTO.

    Nel tempo che è adesso, quando la storia si trova allo stallo chiusa in una morsa che attanaglia proprio allora la storia prima di formare un nuovo ciclo fa un passo indietro e attinge alle parti sue più pure, AKHENATON e JESUS CRISTUS formano il ponte della purezza Universale ed entrambi ci riconsegnano ALL’ETERNO IN DIO IN NOI, IN DIO TRA DI NOI IN DIO UNI-VERSO.

    L’Interpretazione Solare di Akehnaton fu espressione simbolica dell’Universalità stessa offrendo alle popolazioni di allora anche quella idea visiva non che quale forza vitale potenziale nel suo agire generante come interpretazione simbolica.

    IL credo della religione di Akehnaton era in vero nel DIO UNICO IN DIO UNI-VERSO.
    IL monoteismo di Akehnaton fu semina per il ripristino della verità di amore Universale in DIO UNI-VERSO, così come JESUS CRISTUS ha elevato la coscienza dell’umanità portando salvezza e riconsegnandoci a DIO NOSTRO PADRE come sua Figlianza Universale, Infinita ed Eterna.

    Ascoltate popoli del mondo, ascoltate, in noi sono stati infusi i doni dello SPIRITO SANTO e ciò che presento è la presa consapevole della verità del momento nel tempo che è adesso, nel tempo che viviamo.

    IL dinamismo trionferà sull’immobilismo e la presumibile conclusione della storia ci consegnerà ad un nuovo ciclo della storia che ci ricongiungerà al suo inizio?

    L’Umanità spogliata denudata e liberata dai veli ingannatori schiavizzanti di antiche ragnatele ingabbianti, porta la restaurazione UNIVERSALE DEL REGNO DEL SOLE nella essenza integra dell’essere che alla luce dei RAGGI del SOLE da NOTA di se all’alba del terzo millennio per una nuova TERRA e un nuovo CIELO in JESUS CRISTUS, VENGA IL REGNO DI DIO IN TERRA.

    Venga di nuovo il Regno del SOLE, venga il Regno di DIO in Terra venga il suo Regno.
    Venga di nuovo il Regno del SOLE, venga il Regno di DIO in Terra venga il suo Regno.
    Venga di nuovo il Regno del SOLE, venga il Regno di DIO in Terra venga il suo Regno.

    Noi come gli antichi amando anche il Sole ed aspettando il nuovo regno del Sole così come il regno di DIO in Terra, noi umani non facciamo altro che amare e riconoscere DIO UNO nel molteplice, DIO in noi DIO tra di noi.

    IL Sole sia interpretazione simbolica di spiritualità e fattore tangibile della presenza vitale di DIO UNO nel molteplice, DIO in noi DIO tra di noi.

    Io non parlo di adorazione ne di consacrare alcunché al Sole, mi riferisco ad un ritorno nella sua simbologia spirituale visiva e nel riconoscimento di quella molteplicità spirituale DIVINA vitale e tangibile della e nella Deità di e in DIO UNO quale sua coronazione totalizzante ed universale di fede nell’unico DIO in noi, nell’unico DIO tra di noi e nell’unico DIO UNI-VERSO.

    Se vogliamo la croce stessa ha anche un richiamo Solare oltre che Cristico.

    Siamo all’avvento della venuta della luce e nella luce del rinnovato regno del SOLE e nella nuova coscienza Cristica nel DIO UNICO UNI-VERSO.

    La semina di Akhenaton ci consegna al raccolto ultimo di una umanità posta nella nuova coscienza Cristica del terzo millennio.

    Venga il regno del SOLE, venga il regno di DIO in Terra venga il suo regno.

    L’Idealità del SOLE quale simbologia Spirituale Divina prende coscienza di sé in quelle nazioni e quei popoli che prendono consapevolezza del proprio risveglio evolutivo ed avvertono la loro storia posta in un Fervente cammino CRISTICO COSMICO.

    Esso si illumina e si irradia con possente rinnovata COSCIENZA CRISTICA là dove appunto le coscienze sono illuminate dal loro stesso risveglio spirituale CRISTICO in DIO UNO UNI-VERSO.

    IL Risveglio nel presente Avvento del nuovo Regno del SOLE in noi si rivela già ora e adesso nel presente inizio del terzo millennio.
    Come nuova Coscienza Solare Cosmica Universale esso si ripropone nel Mondo con la sua nuova illuminazione di luce in noi, ciò avviene parimenti con L’Avvento del ritorno di JESUS CRISTUS in noi e con la Cristica Coscienza Cosmica Universale di Amore.
    Venga il Regno del Sole in Terra, venga il suo Regno.
    Venga il Regno di DIO in Terra, venga il suo Regno.

    Nel tempo attuale ridiscende su di noi la possente spiritualità del Monoteismo Universalista del Faraone Egiziano Akhenaton della XVIII dinastia, va riconosciuto e detto che lo stesso fu forgiato nel Monoteismo Universalista sia dal padre Faraone che dal nonno JUJA che ebbe la carica di Gran Visir ed influirono entrambi sulla formazione del Faraone Akhenaton Monoteista e Universalista.

    Tale pensiero filosofico, religioso e spirituale Universalista ritorna oggi sulla Terra con grande possanza ad avere presa sull’umanità che dalla lontana semina della diciottesima dinastia Egizia dei tempi antichi ritorna a noi con i suoi preziosi frutti spirituali compiuti.

    IL tutto viene di nuovo a noi sulla cresta dell’onda Universalista che nel suo filo conduttore fa breccia sull’umanità e che a mo di ponte fa da collegamento con la essenza Cristica di JESUS CRISTUS Universalista e Monoteista.

    Nella tale idealità, basterebbe attenersi a ciò che riconosciamo il Sole operi nell’animare la vita in genere in tutte le sue forme nell’intero globo in cui noi viviamo e nell’intero sistema solare, le trasformazioni che esso porta anche nell’effetto vita – morte e morte – vita per capire appieno l’opera e l’effetto del SOLE sul nostro mondo che è poi l’opera di DIO nel molteplice.
    Pensiamo e immaginiamo soltanto alle disastrose conseguenze che avrebbe appunto una vita senza SOLE dove non avrebbe atto il valore della vita stessa dato che non ci sarebbe possibilità alcuna di vita almeno per come viene al momento intesa da noi umani.

    Per il resto ricordo che solo il SOLE in se non può rimuovere tutti i problemi insiti nell’animo umano nel vivere il suo dramma Terreno dove è suo compito lavorarci sopra e con il suo libero arbitrio attivarsi con il proprio “ IO SCELGO “ consapevole alla rimozione dei mali nel Mondo che sono poi i mali riconosciuti dell’uomo nell’uomo posti nel Mondo che non sono certo ne mali del Mondo ne mali del SOLE ma sono solo mali riconosciuti dell’uomo nell’uomo.

    L’Uomo con i suoi problemi viene posto di fronte alla evidenza degli stessi e sua conseguente possibilità di superamento o con il trovarsi di fronte all’affrontare la sua inevitabile catarsi.

    IL SOLE pone però tutto e tutti di fronte alle infinite possibilità, problemi, difficoltà, soluzioni e scelte da volere e potere attuare.
    IL SOLE pone tutti e tutto di fronte alla luce del SOLE e quindi di fronte a se stessi.
    Come si fa a ritenere il SOLE Spirituale fuori dal monoteismo se il monoteismo è espressione stessa del SOLE quale parte tangibile spirituale DELL’IDDIO UNO UNI-VERSO ED ETERNO ?

    L’ASSOLUTO non riguarda solo il SOLE Spirituale ma riguarda anche il SOLE spirituale, eccome. La spiritualità del SOLE è da ritenere in dovuto conto e risalto nell’ambito religioso, eccome. DIO IN NOI, DIO TRA DI NOI IN DIO UNI-VERSO.

    DIO è Spirito Puro, non vi è cosa visibile e non visibile che non sia compenetrato nello e dallo Spirito Puro di DIO UNI – VERSO, ne consegue che… DIO in noi, DIO tra di noi in DIO UNI – VERSO.

    Non vi è niente e nessuno che possa arrogarsi il diritto di avere, imporre e assumere una sua egemonia religiosa e spirituale sull’umanità.
    Amata Umanità, questo non lo permetteremo mai più mai più mai più!

    LA LUCE ALLA FINE DEL TUNNEL CI ATTENDE, GIOIAMO GENTE

    ( Preghiamo quotidianamente, per purificarci riconoscendoci Figli di nostra Madre, Padre, Figlio e Spirito Santo. )

    ( Coloro che portano la testimonianza di Gesù possiedono, come lui, lo “Spirito della profezia.” ) (Apocalisse 19:10).

    Qualsiasi anticristo non la spunterà mai su Gesù nostro Signore.

    ‘Non sia turbato il vostro cuore. Abbiate fede in Dio e abbiate fede anche in me. Nella casa del Padre mio vi sono molte dimore. Se no, vi avrei mai detto: ‘Vado a prepararvi un posto’?. Quando sarò andato e vi avrò preparato un posto, verrò ci siate anche voi dove sono io. E del luogo dove io vado voi conoscete la via’.
    (Gv. 14, 1-12)

    Riporto il mio punto di vista sulla questione degli extraterrestri.
    Penso che tutta la faccenda sul fenomeno non sia affatto affidabile ne credibile e tende anzi a portare ad un pericoloso inganno verso una trappola di perdizione umana.
    La pura e vera fede in DIO è e sarà sempre la nostra unica fonte di salvezza, quindi a mio avviso è preferibile ed auspicabile che non vi sia nessuna ipotetica interferenza esterna al nostro Mondo, io personalmente al momento non la richiedo ne la accetto.

    Non abbiate paura, noi non abbiamo motivo di avere paura consapevoli del fatto che L’IDDIO UNO è in noi, questo sentivo in cuore di dover rimarcare.
    I precedenti nella storia dell’umanità sono stati ampiamente disastrosi, noi dobbiamo farcela da soli ne abbiamo le possibilità e le capacità, basta risvegliarle.

    A mio avviso non ci servono specchietti e monili luccicanti o regalini scientifici e tecnologici, un giorno se dovranno avvenire incontri tra noi e altre presunte civiltà dell’Universo, li vedrei posti solo a pari DIGNITA’ tra loro e noi e non essere imbeccati come si fa con gli uccellini appena nati.

    Perdonatemi la schiettezza ma tanto è che questo è.
    Non abbiate paura ricordate non abbiamo motivo di averne.
    Ciò che vita è eternamente vita sarà.
    E’ il tempo delle grandi decisioni Universali questo è vero e sacrosanto ma bisogna fare memoria e tesoro del nostro antico e glorioso passato, spiritualmente fratelli con tutti ma succubi di nessuno.
    Solo nel caso si verificasse una leale collaborazione tra le svariate presunte Case-Civiltà dell’Universo senza secondi fini e inganni, allora e solo allora noi Umanità potremo interagire e collaborare amorevolmente a viso aperto e a totale parità di intenti e di amore, la fiducia dovrà essere reciproca e porci in condizione di poter scegliere e decidere liberamente sul da farsi.

    Chi è nella condizione di volere e potere aiutare chi si dovesse trovare nel bisogno e nel pericolo impellente e questo chiaramente senza altri reconditi fini ne inganni, venga e si presenti apertamente e visivamente allo scoperto ed esponga lealmente le ragioni e l’amore che il guida verso noi.
    Amore non è trattare i propri fratelli spirituali del cosmo dall’alto in basso ma a PARI DIGNITA’.
    In sintesi, parliamone apertamente si vedrà ma non metteteci di fronte al fatto compiuto.

    Noi non siamo ne vogliamo essere Coltura ne raccolto di nessuno, vogliamo essere e siamo una Civiltà e una Cultura riconosciuta e amata dall’Universo intero, amore che riversiamo a tutte le presunte Civiltà dell’Universo.
    Noi Umanità Siamo il Risultato della CREAZIONE DI DIO e in tale VERITA’ ci riconosciamo.
    La nostra,sia presa consapevole di appartenenza niente di più niente di meno, noi siamo figli di DIO.
    E’ tempo di ri-prendere Coscienza e Consapevolezza di sé stessi.
    JURM Ben ISman ( alias ) Giovanni Ioannoni

    ( “Adamo, dove sei?”, è la domanda della Genesi da cui è partito Jorge Mario Bergoglio allo Yad Vashem, dopo aver ravvivato la fiamma perenne della sala della “Rimembranza”. “Dove sei, uomo? Dove sei finito? In questo luogo, memoriale della Shoah, sentiamo risuonare questa domanda di Dio: ‘Adamo, dove sei?’. In questa domanda c’è tutto il dolore del Padre che ha perso il figlio.

    Il Padre conosceva il rischio della libertà; sapeva che il figlio avrebbe potuto perdersi ma forse nemmeno il Padre poteva immaginare una tale caduta, un tale abisso! Quel grido: ‘Dove sei?’, qui, di fronte alla tragedia incommensurabile dell’Olocausto, risuona come una voce che si perde in un abisso senza fondo…”, ha proseguito il Papa. “Uomo, chi sei? Non ti riconosco più. Chi sei, uomo? Chi sei diventato? Di quale orrore sei stato capace? Che cosa ti ha fatto cadere così in basso? Non è la polvere del suolo, da cui sei tratto.

    La polvere del suolo è cosa buona, opera delle mie mani. Non è l’alito di vita che ho soffiato nelle tue narici. Quel soffio viene da me, è cosa molto buona. No – ha continuato il Papa – questo abisso non può essere solo opera tua, delle tue mani, del tuo cuore..
    .
    Chi ti ha corrotto? Chi ti ha sfigurato? Chi ti ha contagiato la presunzione di impadronirti del bene e del male? Chi ti ha convinto che eri dio? Non solo hai torturato e ucciso i tuoi fratelli, ma li hai offerti in sacrificio a te stesso, perché ti sei eretto a dio.

    Oggi torniamo ad ascoltare qui la voce di Dio: ‘Adamo, dove sei?’. Dal suolo si leva un gemito sommesso: Pietà di noi, Signore! A te, Signore nostro Dio, la giustizia, a noi il disonore sul volto, la vergogna. Ci è venuto addosso un male quale mai era avvenuto sotto la volta del cielo.

    Ora, Signore, ascolta la nostra preghiera, ascolta la nostra supplica, salvaci per la tua misericordia. Salvaci da questa mostruosità. Signore onnipotente, un’anima nell’angoscia grida verso di te. Ascolta, Signore, abbi pietà! Abbiamo peccato contro di te.

    Tu regni per sempre. Ricordati di noi nella tua misericordia. Dacci la grazia di vergognarci di ciò che, come uomini, siamo stati capaci di fare, di vergognarci di questa massima idolatria, di aver disprezzato e distrutto la nostra carne, quella che tu impastasti dal fango, quella che tu vivificasti col tuo alito di vita.

    Mai più, Signore, mai più! ‘Adamo, dove sei?’. Eccoci, Signore, con la vergogna di ciò che l’uomo, creato a tua immagine e somiglianza, è stato capace di fare”, ha concluso Jorge Mario Bergoglio. “Ricordati di noi nella tua misericordia. )

    SIA FATTA SEMPRE LA VOLONTA’ DEL SIGNORE IDDIO!
    LA PREGHIERA PER ESSERE EFFICACE, SIA ESPRESSA ATTRAVERSO LA LETTURA SCRITTA VERBALE, SONORA DELLA PAROLA, NON A MEMORIA.
    Sorelle e Fratelli, diffondete in ogni dove il presente messaggio tra gli Umani sulla Terra!

    JURM Ben ISman (alias) Giovanni Ioannoni

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: